E’ la stampa, bruttezza! C’è un’altra catastrofe oltre a quella delle banche

di Michele D'Antoni
09 gennaio 2017 | ore 07:20

Stai a vedere che ha ragione Beppe Brillo quando dice che i giornali sono morti. Infatti il 2016 sarà sicuramente ricordato come l’anno nero delle banche a Piazza Affari. Ma nemmeno il mondo dell’editoria è rimasto al riparo dalla burrasca.

Dal gruppo Sole 24 Ore a Italiaonline, negli ultimi cinque anni i grandi gruppi editoriali italiani hanno assistito a una drastica contrazione del loro giro d’affari, passato da 5,7 a 3,9 miliardi. Il fatturato degli imperi dei media tradizionali italiani si è ridotto del 32,6% e 4.500 posti di lavoro sono andati in fumo.

Non si arresta inoltre l’emorragia di lettori della carta stampata: tra il 2011 e il 2016 la diffusione dei quotidiani è scesa del 34%.

Tra i gruppi editoriali, è Class editori a registrare la performance peggiore a Piazza Affari nel 2016. Il titolo della casa editrice attiva nel campo dell’informazione finanziaria (Milano Finanza e Italia Oggi), del lifestyle e dei beni di lusso ha perso il 53,8%. Il gruppo Sole 24 ore, alle prese con una profonda crisi societaria, ha invece bruciato il 43,6%.

A seguire troviamo la Poligrafici Editoriale – che edita il Quotidiano Nazionale, di cui fanno parte Il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno – con perdite pari al 40,4%. Monrif group ha chiuso il 2016 con un -28,7%, il Gruppo Espresso ha fatto -28,5% (segno che il mercato non ha gradito la nascita del polo Repubblica-Stampa) mentre Caltagirone Editore (Il Messaggero e Il Mattino) ha ceduto il 28%.

Chiudono la classifica delle perdite Italiaonline (-24,8%) e Cairo Communication (-17,5%), risultato, quest’ultimo, che stride con il +34,6% realizzato da RCS Mediagroup, “conquistata” da Urbano Cairo la scorsa estate dopo un lungo braccio di ferro con la cordata di Andrea Bonomi.

E non ci possiamo nemmeno consolare con la famosa frase di Humphrey Bogart: “E’ la stampa, bellezza…”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Turbolenze sui mercati, chi ha paura del lupo cattivo

Nuovo stadio Tottenham, arriva l’accordo per l’acquisizione dei terreni

Altro che iPhone. Torna il cellulare più amato dal mercato…