Brutte notizie in arrivo. Torna la minaccia dell’Imu. Più di una minaccia…

di Jo Bastiano
16 febbraio 2017 | ore 08:30

Ci mancava pure l’Ocse. L’Organismo internazionale, nel fornire le sue stime economiche sugli Stati europei, ha lanciato anche alcuni consigli che suonano come moniti ai governi, in particolare a quello italiano. Annunciano brutte notizie.

Infatti. oltre a tirare le orecchie, l’Ocse sale pure in cattedra a dettare l’agenda del governo. E conferma la propria “predilezione” per la tassazione degli immobili residenziali considerata “favorevole alla crescita”. Nel rapporto sull’Italia appena diffuso, l’organizzazione sottolinea come questa tassazione sia “sottoutilizzata” nel nostro paese e si definisce “un passo indietro” l’abolizione di Imu e Tasi sulle prime case.

Anzi, nel rapporto si invita a “reintrodurre le tasse sulle prime case così da generare lo spazio fiscale per ridurre la tassazione sulle attività produttive”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Il mondo del management inglese si colora di rosa

La Serie B conferma Abodi all'unanimità

La Federcalcio russa paga gli arretrati a Capello

Forse ti può interessare

La flat tax per Paperoni e i miraggi del paese di Pulcinella

Cosa deve fare chi non ha pagato l’Imu o la Tasi entro il 16 dicembre

Imu e Tasi, il 16 dicembre si pagano le tasse sulla casa