Mercati a rischio in ottobre per una strana teoria che di solito ci azzecca

di Jo Bastiano
17 febbraio 2017 | ore 09:36

Incredibile ma… verosimile. In ogni decennio i mercati accusano la crisi del settimo anno con crolli, mini-crolli, panic-selling, e quant’altro. E’ una strana teoria ma il track record dice non è del tutto campato in aria. Infatti è accaduto nel settembre 1987, nell’ottobre 1997, in febbraio e ad agosto del 2007. Coincidenze? Superstizioni? Può darsi il fatto è che le difficoltà sui mercati nel settimo anno di ogni decennio ci sono state. Accadrà anche nel 2017? C’è chi sostiene una teoria precisa. Di solito, nell’anno “incriminato”, i mercati salgono nella prima parte dell’anno per poi scendere a fine estate/inizio autunno. Secondo l’analista tecnico Clif Droke nella sua ultima intervista per Financial Sense, ripresa dal sito www.forexinfo.it, “ciò che sale deve scendere”. Infatti, sulla base della teoria della crisi del settimo anno, l’analista tecnico si aspetta un calo intorno a ottobre in seguito a nuovi massimi in piena estate.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Le inglesi preferiscono quotarsi negli States

Addio alle comproprietà nel calcio

Dal 2018 Serie A in diretta su Facebook e Twitter

Forse ti può interessare

Gli eventi che guideranno i mercati finanziari nel mese di marzo

Sudafrica e Danimarca i mercati più redditizi dal 1900 a oggi

Le banche? Sono i peggiori performer del mondo