Lo stipendio? Si riscuoterà solo in banca o alla Posta

di Raffaello Mascetti
20 marzo 2017 | ore 09:15

 

La proposta di legge dell’on  Titti Di Salvo (Pd)  prevede che lo stipendio venga corrisposto in questi tre modi: a) accredito diretto sul conto corrente del lavoratore; b) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale; c) emissione di un assegno da parte dell’istituto bancario o dell’ufficio postale consegnato direttamente al lavoratore. La scelta del sistema di pagamento è rimessa direttamente al lavoratore.

Il datore di lavoro, al momento dell’assunzione, ha l’obbligo  di comunicare al centro per l’impiego competente gli estremi dell’istituto bancario o dell’ufficio postale che provvederà al pagamento delle retribuzioni al lavoratore.

L’ordine di pagamento potrà essere annullato solo con trasmissione all’istituto bancario o all’ufficio postale di copia della lettera di licenziamento o delle dimissioni del lavoratore, rese secondo le modalità di legge.

Sono previste sanzioni per i datori di lavoro che non ottemperano agli obblighi introdotti da questa proposta. Sono tuttavia esclusi da queste modalità di pagamento  i datori di lavoro che non sono possessori della partita Iva, i quali spesso non sono neanche titolari di un conto corrente.

FONTE: www.firstonline.info

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Champions League, la sponsorizzazione è un affare per UniCredit

Borussia Dortmund: ricavi in salita, utile netto più che dimezzato

Già scoperto il bluff. Equitalia muore e risorge. Cambierà solo nome…

Forse ti può interessare

Marcello Marchesi e la presenza di Dio

Assegno bancario, ecco con quali banche costa meno