Lo stipendio? Si riscuoterà solo in banca o alla Posta

di Raffaello Mascetti
20 marzo 2017 | ore 09:15

 

La proposta di legge dell’on  Titti Di Salvo (Pd)  prevede che lo stipendio venga corrisposto in questi tre modi: a) accredito diretto sul conto corrente del lavoratore; b) pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale; c) emissione di un assegno da parte dell’istituto bancario o dell’ufficio postale consegnato direttamente al lavoratore. La scelta del sistema di pagamento è rimessa direttamente al lavoratore.

Il datore di lavoro, al momento dell’assunzione, ha l’obbligo  di comunicare al centro per l’impiego competente gli estremi dell’istituto bancario o dell’ufficio postale che provvederà al pagamento delle retribuzioni al lavoratore.

L’ordine di pagamento potrà essere annullato solo con trasmissione all’istituto bancario o all’ufficio postale di copia della lettera di licenziamento o delle dimissioni del lavoratore, rese secondo le modalità di legge.

Sono previste sanzioni per i datori di lavoro che non ottemperano agli obblighi introdotti da questa proposta. Sono tuttavia esclusi da queste modalità di pagamento  i datori di lavoro che non sono possessori della partita Iva, i quali spesso non sono neanche titolari di un conto corrente.

FONTE: www.firstonline.info

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Il Real Madrid vuole 200 milioni dall’Adidas

Epic sim, il primo football bond sulla piattaforma

All’asta la famosa foto del marinaio che bacia l’infermiera

Forse ti può interessare

Marcello Marchesi e la presenza di Dio

Assegno bancario, ecco con quali banche costa meno