A Piazza Affari c'è Anima: la sgr si quota in primavera

di Redazione
25 ottobre 2013 | ore 08:38

QUOTAZIONE IN PRIMAVERA – Pronta la squadrà che accompagerà in Borsa Anima sgr. Lo confermano fonti contattate da BLUERATING. La quotazione sarà in primavera e a curarla saranno i global coordinator Goldman Sachs, Banca Imi e UniCredit. Si punta a entrare in Borsa con un flottante ampio, del 35-40%, attraverso un’offerta di vendita realizzata dalla controllante totalitaria Asset management holding (Amh), nata un paio di anni fa dall’integrazione delle sgr Prima e Bpm Gestioni.

LA PASSATA ESPERIENZA – I soci di Amh sono Clessidra, con il 37,1%, Mps, con il 22,8%, Bpm, con il 35,3% e il Credito Valtellinese con il 2,8%. Anima è già passata per le sale di Borsa Italiana con l’ipo del 2005: in quell’anno, il Banco di Desio e Alberto Foà la portarono a Piazza Affari. L’esperienza ebbe fine con l’ingresso della Popolare di Milano e con la successiva opa di delisting nel 2009.

IL VALORE STIMABILEAnima stavolta si prepara ad andare sull’Mta con un valore stimabile in 1,2-1,4 miliardi sulla base dei multipli di price/earning ed ebit a cui trattano Azimut e Mediolanum. In base al business plan aggiornato al 2015, Anima prevede 120 milioni di utile operativo per quest’anno, dopo i 74 milioni di profitti netti dell’esercizio precedente.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Nei prossimi 5 anni la tecnologia cambierà molti modelli di business

Atene incontrerà a Parigi i rappresentanti della "troika"

Fiat Chrysler Automobiles, il Dipartimento di Giustizia Usa apre una causa civile

Forse ti può interessare

Buon compleanno Facebook

Avio decolla al debutto sullo Star

Per Unieuro debutto sul Mta con qualche affanno il 4 aprile