Anno nuovo, sterlina sempre debole

di Luca Spoldi
09 gennaio 2017 | ore 14:14

STERLINA SOTTO PRESSIONE – I crescenti timori che si possa arrivare ad una “hard Brexit”, con l’esclusione delle società britanniche e dei loro prodotti e servizi dal mercato unico europeo, pesa anche in questo avvio di 2017 sulla sterlina, che torna sui minimi delle ultime 10 settimane, con l’euro indicato a 0,8655 contro la valuta inglese, in rialzo dello 0,7% rispetto alla chiusura di venerdì.

IMMIGRAZIONE FARA’ SALTARE OGNI ACCORDO? –  In un’intervista al Sun di domenica la premier Theresa May è tornata a ribadire il concetto che lasciare la Ue significherà  “ottenere la giusta relazione, non mantenere una parte di partecipazione”. In particolare è il tema dell’immigrazione su cui la premier inglese non sembra disposta o in grado di accettare compromessi ed è su questo terreno che potrebbe perdere l’accesso al mercato unico, commentano oggi gli analisti.

HARD BREXIT QUASI CERTA – Secondo alcuni esperti, tra cui Tullia Bucco di Unicredit, citata da Bloomberg, la hard Brexit “è quasi una certezza” e l’unico dubbio vero che rimane “è se la transazione sarà graduale (e pertanto ordinata) o improvvisa”. Theresa May ha promesso di offrire maggiori dettagli sul piano messo a punto per gestire la Brexit “nelle prossime settimane”, ma questo lasso di tempo potrebbe portare ulteriori pressioni sulla divisa britannica.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Mediaset rimbalza, Banco Popolare soffre dopo la trimestrale

Milano resta al palo, bene Tenaris e Azimut

Qia dopo aver abbandonato Mps al suo destino fa rotta su Unicredit

Forse ti può interessare

Brexit, conto salato per banche inglesi e Regno Unito

Brexit pronta a partire: la sterlina cade, ma per Morgan Stanley potrà recuperare

La Scozia tornerà al voto per staccarsi dal Regno Unito e restare nella Ue