Banche: nuovi problemi per le ex popolari venete

di Luca Spoldi
19 maggio 2017 | ore 11:24

ANCORA PROBLEMI PER LE EX POPOLARI VENETE – Banche in crisi: i problemi sembrano non finire per le due ex banche popolari venete (BpVi e Veneto Banca), controllate per poco meno del 100% dal fondo Atlante, che hanno chiesto, come Mps, l’intervento dello stato attraverso un’operazione di ricapitalizzazione precauzionale per poter varare la quale occorre un via libera da Bruxelles che continua a non arrivare. Secondo quanto riferisce la stampa italiana, la Commissione Ue avrebbe anzi chiesto di alzare il contributo dei privati al salvataggio di un altro miliardo di euro.

CHI METTERA’ I CAPITALI PRIVATI? – Ma poiché il fondo Atlante, che di recente ha rilevato 2,2 miliardi di euro di Npl delle tre ex “good bank” acquisite da Ubi Banca pagandoli il 32,5% del valore lordo di libro (ossia 715 milioni, di cui 200 di finanziamento e fino a 515 milioni di mezzi propri), ha finito le risorse, a pagare il conto potrebbero essere nuovamente le banche “sane” di maggiori dimensioni, in assenza di qualsivoglia investitore interessato a venire in soccorso. Solo dopo l’arrivo di capitali freschi privati, potrà quindi partire la ricapitalizzazione precauzionale.

DEVE CAMBIARE IL MODO DI FAR BANCA IN ITALIA – Un’operazione prevista dalla legge “salva risparmio” con cui lo stato italiano ha stanziato fondi per complessivi 20 miliardi (ma di questi almeno 6,6 miliardi dovrebbero essere iniettati in Mps, a fronte di 2,2 milioni di oneri addossati agli investitori istituzionali privati). A mancare non sono dunque i capitali, quanto la volontà (soprattutto privata) di investirli: per come viene svolta ora in Italia con istituti stretti tra la continua crescita dei crediti deteriorati e l’evoluzione “disruptive” promossa dalla fintech, l’attività bancaria continui infatti ad essere troppo poco redditizia e troppo rischiosa per attrarre investitori. Le banche italiane, popolari e non, saranno in grado di cambiare o dovranno rassegnarsi a un ruolo sempre più marginale?

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn2Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Segnali di ripresa per Nordea e Dnb

Avvio in denaro per Milano, banche sotto i riflettori

Effetto Siria: prezzi della benzina ancora in aumento, Eni a 1,825euro

Forse ti può interessare

Piazza Affari accende i fari su Banca Carige

Brigitte è arrivata all’Eliseo da sola, con l’abito Vuitton in prestito. Anche…

Banca Carige, la cura Bastianini funziona ma il titolo perde quota