Barcellona, la Qatar Sports Investment le va stretta

di Redazione
07 ottobre 2014 | ore 13:22

Secondo quanto riportato dal sito di Calcio & Finanza, il rapporto di sponsorizzazione tra il Qatar e FC Barcellona, 30 milioni a stagione, ha i giorni contati. Il club blaugrana ha già fatto sapere agli Arabi che se vogliono continuare a sponsorizzare il club dovranno migliorare, e di molto, l’offerta finanziaria che permette loro di apparire sulla maglietta e in molte aree dello stadio blaugrana.

IL CONTRATTO IN QUESTIONE – Il contratto tra Barcellona e Qatar Sports Investment, una società che inizialmente ha gestito il primo cambiamento da Unicef a Fondazione Qatar e poi in Qatar Airways, concluderà il suo contratto nel 2016 dopodichè il Barcellona vaglierà altra offerte più redditizie. Il mercato delle sponsorizzazioni dei club ha subito un drastico cambiamento da quando il Manchester United ha firmato un contratto con Chevrolet per sette stagioni in cambio di 411 milioni, oltre a questo la squadra di Old Trafford ha firmato con Adidas un accordo che le assicura 94 milioni a stagione, che ha “costretto” i Red Devils ha lasciare Nike. Totale? Il Manchester United riceve dai due sposor 150 milioni e dato che è una squadra che non gioca la Champions non è proprio male.

L’IDEA DELL’AUMENTO – Questo accordo monumentale ha portato il Barcellona ad essere molto amato sul mercato. Il Qatar rimane un partner prezioso, soprattutto per il fatto che posso essere coinvolti nel rimodellamento del Camp Nou, mase l’emirato vuole continuare a sponsorizzare la squadra catalana dovrà aumentare la sua offerta. L’idea del Barcellona è di passare dagli attuali 30 milioni a stagione ad un minimo di 50.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

SOLDIQUIZ: Tra i paesi che confinano con l'Italia, solo uno non dipende dall'energia nucleare. Quale?

Arrestato ex direttore delle Poste: ha sottratto per 1,5 milioni ai clienti

E’ già iniziata la guerra di Trieste per il controllo delle Generali