Città per città come cambieranno i prezzi delle case nel 2017

di Redazione
11 gennaio 2017 | ore 07:50

Tecnocasa ha pubblicato le sue previsioni immobiliari per il nuovo anno. Previsioni che trovano efficace sintesi nel titolo del rapporto: “2017, l’anno della ripresa“.

Pubblichiamo di seguito le previsioni sui prezzi degli immobili abitativi nei principali capoluoghi di provincia, seguiti dal commento di Fabiana Megliola, responsabile dell’Ufficio Studi del gruppo Tecnocasa, sulle prospettive del mercato immobiliare per l’anno da poco iniziato.

 

Variazione percentuale dei prezzi nelle principali città

Città da a
BARI  -2   0
BOLOGNA   0   0
FIRENZE +1 +3
GENOVA  -3  -1
MILANO   0 +2
NAPOLI   0   0
PALERMO   0 +2
ROMA   0   0
TORINO   0   0
VERONA   0 +2
Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa

Variazione percentuale dei prezzi previste nei capoluoghi 

Città Da A
ALESSANDRIA   0   0
AOSTA   0 +2
ASTI   0   0
AVELLINO +2 +4
BENEVENTO +1 +3
BERGAMO  -2   0
BRESCIA   0 +2
CAGLIARI  -2   0
CASERTA   0   0
CATANIA  -2   0
COMO   0   0
COSENZA  -2   0
CREMONA  -2   0
FOGGIA   0   0
FERRARA  -3  -1
FORLI’  -3  -1
IMPERIA  -3  -1
LATINA   0   0
LA SPEZIA  -2   0
LECCE  -2   0
LIVORNO  -2   0
LODI   0 +2
MESSINA   0 +2
MODENA  -2   0
MONZA  -2   0
ORISTANO  -3  -1
PADOVA  -2   0
PARMA  -4  -2
PAVIA  -4  -2
PERUGIA   0   0
PESCARA  -2   0
PIACENZA  -2   0
PISTOIA   0 +2
PRATO  -2   0
REGGIO C.  -4  -2
REGGIO E.   0   0
RIETI  -2   0
ROVIGO  -2   0
SALERNO  -2   0
SASSARI   0 +2
SAVONA   0 +2
TARANTO   0   0
TRAPANI  -3  -1
TERNI  -2   0
TRIESTE   0 +2
UDINE  -2   0
VITERBO  -3  -1
Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa

La domanda dinamica e l’offerta che inizia a diminuire, soprattutto sugli immobili di qualità, potrà determinare un’ulteriore contrazione delle tempistiche di vendita e un minor margine di trattativa soprattutto su queste tipologie immobiliari. Se l’immobile è da ristrutturare o presenta degli elementi negativi si compravenderà solo dopo ulteriori ribassi di prezzo.
Sia il segmento della prima casa sia quello ad uso investimento e casa vacanza saranno vivaci.
Le compravendite per il 2017 sono attese ancora in aumento (tra +6% e +8% a livello nazionale) e questo trend interesserà tutte le realtà territoriali. Sul versante prezzi ci aspettiamo una chiusura dell’ anno con un calo tra -2% e 0% e un leggero aumento (tra 0% e +2%) per il 2017 ma solo per le grandi città, mentre per i capoluoghi di provincia e per l’hinterland delle grandi città occorrerà aspettare il 2018. Anche il sentiment espresso dagli operatori delle nostre reti è orientato in tal senso.
Sul mercato del nuovo iniziano a ripartire progetti, finalizzati alla costruzione di immobili di qualità che garantiscano efficienza energetica e, alla luce degli ultimi eventi, che siano costruiti anche con criteri antisismici.
Sul versante delle locazioni ci aspettiamo una sostanziale stabilità dei canoni, con leggeri ritocchi al rialzo in particolare nelle grandi città. Non si esclude che chi possiede i requisiti per accedere al mutuo possa abbandonare la locazione per scegliere l’acquisto, con conseguente riduzione della domanda.

 

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn62Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Usa: settore dei servizi accelera, rialzo tassi sempre più probabile

Atene ottimista, intesa con trokia possibile in giornata

B. Carige, Bankitalia chiede discontinuità sulla governance

Forse ti può interessare

Vivere e investire oltre la globalizzazione, 10 previsioni dal Credit Suisse Research Institute

Organizzare il nuovo anno: ecco i ponti per allungare le ferie nel 2017

Investimenti: cosa ha insegnato il 2016 e il vademecum per il 2017