Giornata altalenante per Milano, boom di LVenture

di Luca Spoldi
08 gennaio 2014 | ore 17:10

SEDUTA ALTALENANTE PER MILANO – Seduta altalenante per Piazza Affari, che parte in rialzo, poi passa in negativo dopo il brutto dato sulla disoccupazione di novembre, per poi oscillare attorno i livelli di ieri fino al termine complice un’apertura prudente di Wall Street, dove gli investitori attendono di leggere le minute dell’ultimo Fomc della Federal Reserve di dicembre. A fine giornata l’indice Ftse Mib segna -0,17%, il Ftse Italia All-Share chiude a -0,25%, mentre il Ftse Italia Star cede lo 0,53%.

BENE INTESA, BPER E UNICREDIT, BOOM DI LVENTURE – Tra le blue chip italiane si fanno comunque vedere i bancari, con Intesa Sanpaolo, Bper e UniCredit davanti a tutti. In deciso ribasso Salvatore Ferragamo (-6% abbondante), come pure Prysmian e Pirelli, in rosso di oltre il 3% a testa. Negativo anche il finale di Bpm, che pure aveva aperto la giornata ancora in rialzo in attesa di novità sul fronte del rinnovo del management, mentre Mediaset riesce a conservare poco più di mezzo punto del deciso guadagno visto a inizio giornata. Tra le “piccole” LVenture, già ieri in crescita di oltre l’11% con scambi in deciso aumento, fa il botto con un guadagno a fine seduta del 42,86% a 8,4 centesimi di euro per azione e quasi 2 milioni di pezzi passati di mano, nonostante il divieto di immissione di ordini senza limiti di prezzo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Mattinata senza grandi emozioni in Europa

Occhio ai dati macro più che alla Fed

Milano avanti piano, corrono Banco Popolare e Bper

Forse ti può interessare

Piazza Affari: i top della seduta

Piazza Affari: i flop della giornata

Generali vuole proseguire per la sua strada