Giornata no per Poste Italiane e Banca Finnat

di Gordon Sachs
09 gennaio 2017 | ore 17:17

POSTE ITALIANE PAGA VICENDA FONDI – Seduta decisamente negativa per Poste Italiane che a Piazza Affari nelle fasi finali della giornata si manteneva in calo di oltre il 2,5% a 6,14 euro per azione con oltre 4,65 milioni di pezzi passati di mano. Sul titolo continua a pesare la vicenda del possibile rimborso ai sottoscrittori dei fondi Invest Real Security e Obelisco, fondi immobiliari gestiti da InvestiRE Sgr, società del gruppo Banca Finnat Euramerica.

A QUANTO AMMONTERA’ IL RIMBORSO? – Quello che non è ancora chiaro al mercato è quanto costerà il rimborso a Poste Italiane, anche se gli analisti in generale sembrano non attendersi un importo che possa impattare in modo determinante il titolo. Tuttavia l’incertezza è da sempre nemica degli investimenti di borsa, così con la perdita odierna il titolo, che già venerdì scorso aveva azzerato sostanzialmente ogni guadagno da inizio anno, perde poco più del 2,6% da inizio 2017.

SU BANCA FINNAT PESA RISCHIO CLASS ACTION – Una opportunità di investimento, visto che sull’anno la perdita è tornata a superare il 10%, o sarà meglio tenersi alla larga dal titolo? Gli analisti non si sbilanciano, ma certo la situazione di Poste Italiane appare meno a rischio, per ora, di quanto non sembri quella di Banca Finnat (oggi in calo di quasi 5 punti percentuali), per la quale alcuni non escludono la possibilità che si arrivi ad una class action sulla base di una presunta cattiva gestione dei fondi e di commissioni troppo elevate.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

New York ringrazia la BoJ e il petrolio

New York in modesto recupero, deboli bond e oro

Federal Reserve non tocca i tassi, ma lo scenario migliora: rialzo in autunno?

Forse ti può interessare

Beni Stabili raddoppia partecipazione in Revalo