I dieci titoli che piacciono agli hedge

di Redazione
26 maggio 2014 | ore 08:10

Ogni trimestre l’istituto di ricerca Factset, che ha sede nel Connecticut, dopo aver analizzato i portafogli dei 50 maggiori fondi speculativi, che comprendono nomi celebri come Citadel Advisors, Paulson & Co e Millenium management, stila la classifica dei titoli che hanno maggiore peso nei loro portafogli. Ecco la classifica riportata da Milano Finanza.

1)Icahn Enterprises. Al top della classifica si conferma la holding diversificata in vari settori (dall’automotive, all’immobiliare, all’energia e ai metalli) e presieduta dal miliardario Carl Icahn, il 26° uomo più ricco del mondo secondo la rivista Forbes.

2)Apple. Stabile al secondo posto il gigante di Cupertino, guidato da Tim Cook, che non è ancora arrivato a un accordo con Samsung electronics sulla controversia legale sui brevetti che dura da tre anni.

3)Microsoft. Sul terzo gradino del podio c’è ancora il leader mondiale del software, guidato da inizio febbraio da Satya Nadella, che in aprile è stato battuto per il quarto mese consecutivo nelle vendite di console negli Usa dalla Playstation 4 della Sony. Per battere la concorrenza Microsoft  comincerà a vendere una versione meno costosa della Xbox One da giugno.

4)Valeant Pharmaceuticals Int. Il gruppo farmaceutico guidato da Mike Pearson, che capitalizza 43,7 miliardi di dollari, sta perfezionando l’offerta per la società Allergan, che produce il Botox, dopo aver parlato con gli investitori di quest’ultima. Pearson spiegherà i vantaggi dell’operazione durante lo shareholders meeting del prossimo 28 maggio.

5)AIG. I fondi hedge nel primo trimestre hanno leggermente ridotto (-0,8%) la loro esposizione (4,75 miliardi di dollari) nel gruppo assicurativo Usa, che opera a livello internazionale sia nel ramo vita che nel danni, dopo il forte incremento del periodo precedente.

6)Walgreen. Il retailer a stelle e strisce, che, nel mese di aprile ha registrato un aumento del 7,6% delle vendite same-store, cioè dei negozi aperti da almeno un anno, è molto apprezzato dai fondi speculativi, che hanno incrementato la loro quota del 52,2% (1,62 miliardi) portandola a 4,75 miliardi di dollari nel primo trimestre.

7)Thermo Fischer Scientific. La società high-tech specializzata nella strumentazione per laboratori medici e scientifici, guidata da Marc Casper, capitalizza a New York quasi 47 miliardi di dollari. Da gennaio  il titolo è salito in borsa dell’8,8%.

8)Liberty Global (class C). La società specializzata nei cavi per tlc controllata dal miliardario John Malone, ha in programma di offrire servizi telefonici ai clienti europei, dopo aver acquisito un operatore del settore, realizzando il cosiddetto mobile virtual network operator system (MVNO). I fondi speculativi credono molto nelle sue potenzialità future, visto che hanno incrementato nel primo trimestre la loro esposizione del 64,3% (1,7 miliardi) fino a 4,4 miliardi di dollari.

9)Air Products and Chemicals. In aumento anche la quota detenuta dagli hedge funds nella società che produce gas industriali e materiali ad alta performance. La multinazionale, che impiega 21 mila addetti in oltre 50 Paesi, ha deciso qualche giorno fa la distribuzione di un dividendo trimestrale di 77 cents per le azioni ordinarie.

10)Twenty-First Century Fox. Il colosso guidato dall’83enne Rupert Murdoch rientra nel gruppo dei titoli più apprezzati dai money manager dei fondi speculativi, che nel primo trimestre hanno aumentato l’esposizione dell’11%, fino a 4,27 miliardi di dollari. Di recente British Sky Broadcasting ha annunciato di aver avviato le negoziazioni con la 21 Century Fox, suo primo azionista, per l'eventuale acquisizione delle tv a pagamento tedesche e italiane, Sky Deutschland e Sky Italia. La transazione è valutata 14 miliardi di dollari.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

L'asta dei Btp e Ccteu spegne l'entusiasmo di Piazza Affari

Milano poco mossa, corrono A2A e Yoox in rosso Tod's

Solo Eni e UnipolSai chiudono in rialzo tra le blue chip italiane