La sapete quella dello scrittore che chiede la mano della figlia del banchiere?

di Marco Franchi
16 febbraio 2017 | ore 08:50

Ad un importante banchiere si presenta un pretendente alla mano dell’unica figlia. Il candidato di professione fa lo scrittore ed è abituato ad una vita bohemienne.
“Io amerei sua figlia anche se non avesse un soldo.”
“Davvero?”
“Lo giuro.”
“E’ sicuro?”
“Sono sicuro.”
“Tina”, dice il banchiere rivolgendosi alla domestica, “accompagni il signore alla porta. Non voglio rimbambiti in famiglia!”

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Un gioco di parole dietro il boom di matrimoni in Cina il 4 gennaio 2013

Viene dalla Cina lo sponsor dei Colchoneros

La birra Estrella Damm si compra il Trofeo Gamper

Forse ti può interessare

La differenza tra un avaro e un banchiere è…

Per Voltaire, se un banchiere svizzero salta dalla finestra…

Cos’è un banchiere secondo Mark Twain