Mediolanum prevede raccolta record in gennaio

di Luca Spoldi
21 gennaio 2013 | ore 08:49

DORIS: SARA' UN GENNAIO RECORD PER LA RACCOLTA – Il 2013 sembra iniziare sotto i migliori auspici per Mediolanum (oggi in crescita di circa un punto a Piazza Affari), il cui fondatore e socio di riferimento, Ennio Doris, parlando venerdì a margine dell’Italian financial services conference organizzata da Ubs ha confermato come la raccolta sia partita “molto bene” e come probabilmente “sarà il nostro gennaio record”.

BANCA ESPERIA, QUOTA IN VENDITA? – Lo scorso anno Mediolanum ha chiuso con una raccolta netta totale di circa 2,26 miliardi, appena inferiore ai 2,28 miliardi del 2011, con dicembre che ha registrato afflussi netti per 412 milioni. Doris ha anche ribadito che rispetto all’investimento iniziale la quota in Banca Esperia, la joint venture con Mediobanca, appare ormai meno strategica e potrebbe venire ceduta in caso di una buona offerta, magari in arrivo dall’estero.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Visco (Bankitalia): per bad bank trasferimenti a prezzo di mercato

Goldman Sachs sta pensando di proibire le chat ai suoi trader

Hsbc delude le attese ma guarda al 2015

Forse ti può interessare

Deutsche Bank scioglierà le riserve su aumento o dismissioni a breve

Corsa al ribasso per le commissioni applicate dai broker americani

Pimco, raccolta a tutto gas in dicembre e gennaio