Nasce la Banca delle Terre, per trovare (e comprare) i terreni pubblici in vendita

di Redazione
16 marzo 2017 | ore 07:25

È on line da ieri lo strumento che raccoglie e organizza la domanda e l’offerta dei terreni messi in vendita dagli enti pubblici.

Lo strumento è quello della “Banca delle Terre Agricole”, presentato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo e alimentare) con l’obiettivo di fornire tutte le informazioni necessarie sulle caratteristiche naturali, strutturali e infrastrutturali dei terreni definendone modalità e condizioni di cessione e di acquisto.

La “Banca delle Terre Agricole”, può essere alimentata sia con i terreni derivanti dalle attività fondiarie gestite dall’Ismea, sia da quelli appartenenti a Regioni e Province Autonome o altri soggetti pubblici interessati a dismettere i propri terreni. Grazie a un applicativo disponibile sul sito dell’Ismea le terre sono individuate geograficamente e raggruppate per provincia. Lo strumento consente, per ogni provincia, di visualizzare numero di terreni disponibili, superficie, tipologie colturali, informazioni catastali e mappa. In caso di richiesta d’acquisto effettuata da giovani, è prevista la possibilità di richiedere un mutuo ipotecario all’Ismea. Le risorse finanziarie derivanti dalla vendita dei terreni saranno finalizzate esclusivamente a interventi in favore dei giovani.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

La BoE conferma i tassi sulla sterlina allo 0,5%, lancia allarme-Brexit

Milano resta vicino ai livelli di venerdì

Tra Draghi e Schaeuble cala il gelo