Pasqua, crescono i viaggi a lungo raggio e le mete culturali

di Ettore Mieli
31 marzo 2014 | ore 09:57

PRIMAVERA POSITIVA – Complici i timidi segnali di ripresa e un calendario assai favorevole per quanto riguarda festività e ponti, gli operatori del settore possono sbilanciarsi e dirlo: la primavera 2014 sarà positiva per il turismo. CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio, stima una crescita del 25% di passeggeri rispetto alla Pasqua 2013, con qualche sorpresa per quanto riguarda le mete più gettonate.

SALGONO LE PRENOTAZIONI – L'andamento delle prenotazioni rilevato da CartOrange e dai suoi oltre 400 Consulenti per Viaggiare lascia spazio a un cauto ottimismo. “Il lungo periodo di feste e ponti che si estende da Pasqua fino al 4 maggio ha indubbiamente invogliato gli italiani a concedersi quei viaggi sui quali prima tentennavano -conferma Gianpaolo Romano, amministratore delegato di CartOrange. "Questo ha fatto salire le prenotazioni, con una decisa crescita per le mete a lungo raggio, scelte dal 20% dei nostri viaggiatori, e la possibilità di unire relax al mare e itinerari culturali”. La spesa media per passeggero si attesta sui 1.000 euro. Chi sceglie di trascorrere le vacanze di Pasqua in Italia spende in media 350 euro.

LUNGO PERIODO – Beneficiano del più lungo periodo di ferie New York e gli Stati Uniti in genere, destinazioni molto richieste quest'anno. Per chi cerca una vacanza di solo mare quest'anno è possibile anche per la Pasqua scegliere destinazioni lontane come la Thailandia, le Maldive e i Caraibi.

DESTINAZIONI – Molte le novità per le destinazioni a medio raggio. “I problemi sorti lo scorso anno in Egitto continuano a far sentire i propri effetti sul turismo -spiega ancora Romano-, perciò CartOrange ha registrato un calo delle prenotazioni per il Mar Rosso, che nel 2013 era stato scelto dal 16% dei nostri passeggeri e quest'anno dal 12%. Questa meta, un tempo preferite per la primavera, è stata sostituita da altre destinazioni mare come le Canarie”.

METE CULTURALI – Ma non solo le spiagge attirano i viaggiatori italiani. Vanno forte le mete culturali, sia in Italia che all'estero, alle quali CartOrange dedica uno specifico catalogo, Viaggi nel Tempo. Roma e Firenze restano mete classiche per chi non vuole lasciare il nostro Paese, mentre Parigi e Londra sono le capitali europee più richieste. Molti cercano le meraviglie del Vicino Oriente. Novità sempre più gettonata è l'Oman, destinazione ancora poco conosciuta ma in forte ascesa: “Si tratta di un paese straordinario -spiega Romano- che negli ultimi anni si è attrezzato al meglio per accogliere i turisti. Con poche ore di volo si può scoprire un Oriente da Mille e una notte, in tutta sicurezza”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Crescono i “bamboccioni” in Italia

Blackburn, cresce il debito fino a 79,8 milioni

La Federcalcio russa paga gli arretrati a Capello