Prestiti personali: la richiesta media scende a 11mila euro

di Redazione
27 marzo 2013 | ore 08:44

CALO DELLA RICHIESTA – Se le banche riducono i prestiti a famiglie ed imprese, gli italiani alle prese con i finanziamenti provano a ridimensionare le loro pretese e chiedono meno agli istituti finanziatori: secondo i risultati dell’Osservatorio di Facile.it, realizzato con la collaborazione di Prestiti.it, in soli sei mesi la domanda media di prestito si è ridotta dell’11%, arrivando a 11mila euro dai 12.500 di ottobre 2012.

IL RICHIEDENTE TIPO – L’indagine, realizzata partendo dall’analisi di un campione di circa 40mila richieste di finanziamento raccolte negli ultimi sei mesi, permette di identificare il profilo tipo di chi cerca di ottenere un prestito: si tratta di un uomo di 41 anni, con uno stipendio medio di poco superiore ai 1.500 euro, che chiede cifre più basse rispetto al passato (11mila vs 12.500 euro), ma da restituire in più tempo (66 vs 64 mesi).

LE MOTIVAZIONI – Per quanto riguarda le motivazioni che spingono a richiedere un prestito personale, ciò che salta all’occhio in maniera evidente è il balzo compiuto dalle richieste di liquidità, che passano dal 32% al 42% del totale: 4 italiani su 10 alle prese con un finanziamento puntano non tanto all’acquisto di un bene specifico ma ad ottenere denaro contante per far fronte a più spese che si accavallano, gestire i pagamenti in corso e arrivare alla fine del mese.

L’ACQUISTO DEI VEICOLI – Cala anche la percentuale dei prestiti richiesti per l’acquisto di veicoli: il finanziamento per auto e moto usate passa, in sei mesi, dal 27% al 21%, quello per comprare mezzi nuovi scende dall’8% al 5%. Dati, questi, che non sorprendono se si considerano i crolli di vendita nel mondo automotive. Aumenta di poco il divario già forte tra uomini e donne per quel che concerne la richiesta di prestiti personali: il 74% delle domande arriva dagli uomini (era il 72% sei mesi fa), contro un 26% di richieste provenienti da donne.

LA DIFFERENZA TRA REGIONI – Per quanto riguarda le differenze regionali, va detto che il calo degli importi medi è più forte in quelle regioni che, in passato, puntavano ad ottenere somme più alte. Se ad ottobre le Regioni con gli importi più alti erano Calabria e Sicilia (con 14mila euro di domanda media), adesso sono Sardegna e Marche a restare in cima alla classifica, entrambe con 12mila euro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

L’Inps riapre la finestra. Donne in pensione a 57 anni

I migliori conti deposito zero spese di aprile a confronto

Fisco: volano Ires e Iva primi 2 mesi

Forse ti può interessare

Wi-fi gratis in Hotel, l'Italia è fanalino di coda

Pensioni: crolla il potere d’acquisto, rischio povertà dietro l’angolo