Stefanel: la borsa vede una soluzione più vicina

di Gordon Sachs
17 febbraio 2017 | ore 15:40

SI AVVICINA SOLUZIONE PER STEFANEL – Se ne parla ormai da due mesi: i fondi Oxy Capital Italia e Attestor Capital sono pronti a rilevare il 56,5% di Stefanel in mano a Giuseppe Stefanel. Ora, secondo quanto sostiene Il Messaggero, le banche creditrici (Bnl-Bnp Paribas, Banco Popolare, Intesa Sanpaolo, Mps e Unicredit)avrebbero ormai dato il proprio ok al piano che prevede anche la ristrutturazione del debito del gruppo, che a fine novembre aveva un indebitamento finanziario netto di 85,6 milioni di euro. Su richiesta della Consob la stessa Stefanel ha precisato peraltro che la prospettata operazione di rafforzamento patrimoniale e finanziario è ancora in fase di negoziazione e che nessun accordo vincolante è stato ad oggi sottoscritto.

IL TITOLO PROVA A RIMBALZARE – Piazza Affari, dove il titolo negli ultimi 12 mesi ha perso poco meno del 30%, sembra comunque credere che l’accordo sia a portata di mano, tanto che il titolo risale a 13 centesimi per azione (+3,67%). Un livello peraltro di circa 1,5 euro inferiore ai valori attorno ai quali il titolo oscillava 7 anni or sono e a una distanza siderale dagli 11 euro toccati circa 10 anni fa, prima della crisi economico-finanziaria mondiale del 2008 e prima che l’intero settore abbigliamento entrasse in crisi sotto la pressione dei produttori dei paesi emergenti.

CHI SONO OXY CAPITAL E ATTESTOR – L’idea di Oxy Capital (che in Italia è già impegnata in due operazioni di turnaround in Ferroli e Oleifici Mataluni-Olio Dante) e Attestor Capital (investitore specializzato in debito “distressed” che aveva già coinvestito con Oxy Capital in Ferroli e che negli scorsi mesi aveva acquistato sul mercato bond lower tier 2 emessi da Mps in previsione di una possibile conversione in capitale) sarebbe quella di iniettare 25 milioni di mezzi freschi a fronte di una trasformazione di debito in capitale per una cifra analoga da parte delle banche, riscadenziando il debito rimanente.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

INFOGRAFICA – I più grandi crolli finanziari della storia

Ubi Banca esce da Ubi Assicurazioni

Leonardo vola in borsa, un solo giudizio contro corrente

Forse ti può interessare

La scure di Fitch sulle banche italiane

Borse e bond in deciso rialzo in tutta Europa

Banco Bpm, c’è interesse per la cessione di 750 milioni di Npl “secured”