Unicredit, l’aumento si avvicina e pesa sul titolo

di Gordon Sachs
11 gennaio 2017 | ore 17:46

UNICREDIT SOFFRE IL MAL D’AUMENTO – Unicredit continua a perdere quota a Piazza Affari, dove anche oggi il titolo ha chiuso la giornata in rosso del 2% a 2,626 euro con oltre 66,3 milioni di pezzi passati di mano. Oltre alle fisiologiche prese di profitto dopo il rialzo degli ultimi tre mesi, ancora superiore al 25%, a pesare sono le incertezze relative al prossimo maxi-aumento di capitale da 13 miliardi di euro che l’assemblea straordinaria di domani è chiamata a deliberare.

SI PARLA DI UNO SCONTO DEL 30% O PIU’ – Lo sconto previsto rispetto al prezzo teorico di stacco del diritto d’opzione potrebbe essere, secondo le ultime voci, attorno o sopra il 30%, con un prezzo di offerta dei nuovi titoli che sarebbe così verosimilmente compreso tra gli 1,2 e gli 1,3 euro per azione. Qualche residua incertezza riguarda anche i tempi dell’operazione, che dovrebbe avvenire comunque poco dopo l’approvazione dei conti 2016, in calendario per il 9 febbraio, così da evitare di finire troppo a ridosso col possibile aumento che secondo il Financial Times anche Deutsche Bank potrebbe dover lanciare in primavera, per almeno 7 miliardi.

CHE FARANNO I SOCI? – Quanto ai soci, Aabar, fondo sovrano di Abu Dhabi tra i primi azionisti della banca con un 5% di capitale, starebbe valutando se sottoscrivere integralmente la propria quota (con un esborso attorno ai 650 milioni) o solo parzialmente, le fondazioni (Fondazione Cariverona è socia al 2,73%, mentre alle Fondazioni emiliane fa capo un altro 2%) non vorrebbero tirarsi indietro, ma i veronesi potrebbero accettare una leggera diluizione, mentre tra i privati (Leonardo Del Vecchio ha una quota tra il 2,5% e il 3%, Francesco Gaetano Caltagirone è attorno all’1%) e i fondi (Capital Research è al 7%, BlackRock al 4,82%, Dodge&Cox al 3,44%) l’orientamento pare positivo, salvo verificare puntualmente l’appetibilità dell’operazione una volta che il Cda avrà definito tutti i dettagli.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Nella stessa categoria

Semestre in crescita per Dexia AM

ITForum Milano, tutti gli sponsor presenti all’evento

Intesa Sanpaolo cede pro soluto portafogli crediti "in bonis"

Forse ti può interessare

Tre opzioni per gli obbligazionisti subordinati Montepaschi

Troppe cose non tornano nell’aumento Montepaschi

Confindustria non ha i soldi per ricapitalizzare il Sole